Licenziamento disciplinare: insussistenza del fatto

Licenziamento disciplinare: insussistenza del fatto

La Corte di Cassazione, con sentenza 8 maggio 2019, n. 12174, equipara, dal punto di vista sanzionatorio, il fatto materialmente non sussistente al fatto accaduto ma di rilevanza disciplinare non così grave da giustificare il licenziamento. Conseguentemente, in entrambi i casi il giudice – che torna ad avere una discrezionalità interpretativa – annulla il licenziamento e condanna il datore di lavoro alla reintegra del lavoratore.